FERRROVIERE

Fine anni ’70 inizio anni ’80 assunte nella allora grande Azienda Autonoma

delle Ferrovie dello Stato.

In tempi diversi, ma con le stesse modalità, molliamo tutto in nome della

nostra indipendenza soprattutto economica iniziando un nuovo viaggio, tu a

Bologna, io a Venezia.

Che città!! Gustiamo sapori nuovi.

Era la gioventù? Il fatto di essere indipendenti? Si, ma erano anche tempi

diversi che abbiamo avuto la fortuna di attraversare.

Quanti momenti della tua vita non conosco, eppure ho sempre sentito con

chiarezza quello che mi piaceva di te: la capacità di vivere il presente, a

differenza di me, senza nostalgie.

Provo ad aprire i cassetti del mio cuore, dove tutto quello che conta per me

trova posto, e subito mi ritrovo ospite nella tua casa al centro di Bologna,

dove hai vissuto con altre giovani “ferroviere”. Si discute fino a tardi, si suona

la chitarra. Condividiamo, in altre parole, il nuovo vissuto orgogliose del

nostro essere donne.

Sei contenta, ti piaci, sei orgogliosa dei tuoi lunghi capelli ricci. Capelli che

lasci finalmente liberi da code e chignon.

Ed eccoti a Venezia con tuo fratello, e poi ancora nella mia nuova casa, a

Malcontenta, quando vieni a trovarmi con Caterina e altre amiche, per il

Carnevale di Venezia.

Poi tu rientri a Roma, io rimango a Venezia. Ma non ci siamo mai perse.

Sei sempre rimasta un riferimento, la tua pacatezza, la tua positività, la voglia

di vivere sempre con ottimismo i cambiamenti.

Nel corso degli anni ci rivediamo, sì sporadicamente, ma ritrovandoci

immediatamente. Condividiamo le vicissitudini del Partito, i candidati alle

primarie, le problematiche relative ai nostri genitori anziani da assistere. Mi

aiuti nella ricerca delle badanti.

Uno degli ultimi ricordi che ho di te: quelle domeniche, io a Roma per

assistere mia madre, tu che porti a passeggio tuo padre in carrozzella, che

“combiniamo” per un veloce caffè in un bar di Centocelle, il nostro quartiere.

Mi racconti del coro, delle tue molteplici attività.

Ma ora non riesco nemmeno a chiudere questi cassetti della memoria: tutto

si mescola, ma ti sento fortemente dentro di me.

Assaporo il tuo sorriso, sento la tua erre arrrrrrotolata, vedo il tuo corpo da

bambina e stampato sulla fronte: “io mi piaccio, io sono bella, io mi voglio

bene”.

Mi manchi e so che sarà per sempre.

Anna Vinella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...